RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 57/E del 04/05/2017

agenzia delle entrate

La risoluzione agenzia entrate n. 57/e del 04/05/2017 ha chiarito alcuni aspetti della Legge 50/2017 :
1) ha chiarito che le imposte a credito che si compensano e che ricadono nell’obbligo dell’utilizzo dell’F24 telematico, sono l’IVA e le imposte sui redditi e relative addizionali, ritenute alla fonte, imposte sostitutive delle imposte sul reddito, Irap, crediti d’imposta da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi ( per es. tax credit)

Tali chiarimenti hanno portato ad ulteriori dubbi in merito all’obbligo di utilizzo del modello F24 telematico per la compensazione del “ Bonus Renzi” che è un credito d’imposta mensile, spettante ai lavoratori dipendenti che rispettano determinati limiti retributivi : tale credito pari a € 80 mensili, viene recuperato dal datore di lavoro mensilmente, indicando la cifra a credito con il codice tributo 1655.
Poiché la norma prevede l’obbligo di utilizzo dell’F24 telematico per l’IVA e le imposte sui redditi e relative addizionali, ritenute alla fonte, crediti d’imposta da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi, e il Bonus Renzi non è tra questi, ci si chiede se sia davvero obbligatorio per le imprese utilizzare l’F24 telematico ogni mese per l’utilizzo del credito Renzi in compensazione.

2) Ha precisato che le nuove norme in merito ai limiti di utilizzo del credito con l’apposizione del visto di conformità sono valide solo per le dichiarazioni presentate dal 24 aprile 2017; ne consegue che per le dichiarazioni già presentate entro il 23 aprile 2017 ( es, Dichiarazione IVA del 28/02/2017) valgono ancora i limiti di utilizzo del credito fino a € 15.000 senza apposizione del visto.

3) Per permettere l’adeguamento delle procedure informatiche , fino al 1 giugno 2017 si potrà ancora presentare i modelli F24 col sistema Home Banking, anche se si è titolari di partita Iva e si utilizza un credito in compensazione ( solo se il saldo dell’F24 non è zero)
Si resta in attesa di ulteriori istruzioni e chiarimenti da parte dell’Agenzia Entrate.

Leggi anche:

Studio pessina Commercialista a Milano

In questo sito vengono utilizzati i cookies